­
PG_collection

Condividiamo una passione.
Disegniamo il futuro.
#disegniamoilfuturo


Museo
La natura di Arp. Dal Nasher Sculpture Center di Dallas, alla Collezione Peggy Guggenheim.


La natura di Arp. Dal Nasher Sculpture Center di Dallas, alla Collezione Peggy Guggenheim.
La natura di Arp. Dal Nasher Sculpture Center di Dallas, alla Collezione Peggy Guggenheim.
La natura di Arp. Dal Nasher Sculpture Center di Dallas, alla Collezione Peggy Guggenheim.
La natura di Arp. Dal Nasher Sculpture Center di Dallas, alla Collezione Peggy Guggenheim.
La natura di Arp. Dal Nasher Sculpture Center di Dallas, alla Collezione Peggy Guggenheim.
La natura di Arp. Dal Nasher Sculpture Center di Dallas, alla Collezione Peggy Guggenheim.
17 aprile 2019

 

Con il sostegno del gruppo Guggenheim Intrapresæ, la Collezione Peggy Guggenheim è lieta di ospitare, dal 13 aprile al 2 settembre 2019, La natura di Arp a cura di Catherin Craft e organizzata dal Nasher Sculpture Center di Dallas.

Dopo il debutto americano, la mostra approda a Venezia, unica tappa in Europa, proponendo una lettura suggestiva e a lungo attesa della produzione dell’artista franco-tedesco Jean (Hans) Arp (1886-1966).

Fondatore del movimento Dada e pioniere dell’astrazione, Arp sviluppa un linguaggio di forme organiche e curvilinee che si muovono con fluidità tra astrazione e rappresentazione, diventando un punto di riferimento per generazioni d’artisti.

Nelle sale dedicate alle mostre temporanee del Palazzo Venier dei Leoni, sono esposte circa 70 opere dell’artista molto diverse tra loro, offrendo l’opportunità di conoscere l’ampia gamma di materiali e formati che caratterizzano disegni, stampe, tessuti, collage, rilievi dipinti e sculture, per le quali Arp è soprattutto noto.

Fu infatti una sua scultura, Testa e conciglia (Tête et coquille) del 1933, la prima opera mai acquistata da Peggy Guggenheim: “La prima cosa che comprai per la mia collezione  fu  un  bronzo  di  Jean  Arp.  [Arp]  mi  portò  alla  fonderia  dove  era  stato  fuso  e  me  ne  innamorai tanto che chiesi di poterlo tenere tra le mani: nello stesso istante in cui lo sentii volli esserne la proprietaria”  ricorda  la collezionista americana  nella  sua  autobiografia Una  vita  per  l’arte  (Rizzoli  Editori,  Milano, 1998).

La natura di Arp alla Collezione Peggy Guggenheim

La natura di Arp alla Collezione Peggy Guggenheim

La natura di Arp alla Collezione Peggy Guggenheim

La natura di Arp alla Collezione Peggy Guggenheim

La natura di Arp alla Collezione Peggy Guggenheim

 


© Ph. Matteo de Fina